Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

CELEBRAZIONI PER IL BICENTENARIO DELLA NASCITA DI RAFFAELLO FORESI

pubblicato giovedì 5 novembre 2020 alle ore 17:48:21


CELEBRAZIONI  PER  IL  BICENTENARIO  DELLA NASCITA  DI RAFFAELLO   FORESI

Oggi, 6 novembre 2020, ricorre il bicentenario della nascita di Raffaello Foresi (1820-1876). Un Elbano che tanto ha dato alla politica e alla cultura italiana. Quest’anno sarebbe stata l’occasione per poter approfondire e scoprire tanti aspetti del suo ingegno multiforme, ma l’emergenza Covid-19 ha rallentato la presentazione al pubblico di chi fosse e di quanto si sia speso Raffaello Foresi per la sua Isola, e non solo.



Raffaello aveva una curiosità che lo ha portato a coltivare e approfondire campi dello scibile umano piuttosto lontani fra loro, ma quando lo ha fatto li ha affrontati con metodo e intelligenza.



Ha frequentato gli ambienti accademici Pisani in un periodo di grande fermento politico e ne ha attinto le idee e gli ideali di Libertà, Indipendenza e Unità arrivando a desiderare di esporsi in prima linea, proponendosi come deputato dell’Assemblea Costituente della Repubblica Toscana: la Repubblica di Guerrazzi, Mazzoni e Montanelli fallì e anche Raffaello pagò col carcere questa sua iniziativa.



La sua voce era potente, e per questo studiò canto come basso-baritono per una decina d’anni, prendendo lezione dai più importanti maestri dell’epoca. Ha utilizzato questa sua competenza per cercare di far capire, attraverso i suoi scritti sul Passatempo, sul Piovano Arlotto -da lui fondato- e su molti altri periodici dell’epoca, quanto fosse importante difendere la melodia italiana, apprezzata e imitata in tutto il mondo, in nome e come vessillo di un’italianità in senso risorgimentale.



L’osservazione attenta del territorio della sua Isola e della sua varietà e ricchezza di rocce e minerali, che suscitava interesse anche presso la comunità scientifica europea, gli fece intuire la necessità di raccogliere organicamente quanto il suolo e il sottosuolo forniva e promuovere campagne di raccolta mirate: lo fece con metodo, studiando e investendo in questo obiettivo. Tanto vi si dedicò che riuscì a scoprire quello che fu creduto essere un nuovo minerale, cui fu assegnato il suo nome, la Foresite.



Combatté per l’istituzione di un Museo Geognostico a Portoferraio che potesse raccogliere quanto l’Elba offriva: alla fine, le sue battaglie, durate una ventina d’anni, lo stimolarono a creare a Portoferraio un Museo all’avanguardia con sezioni di mineralogia, paleontologia, archeologia e antropologia, corredato di plastici, foto e biblioteca. Tutto questo a proprie spese, tranne che per il locale che il Municipio gli aveva ceduto in comodato d’uso gratuito. Una volta inaugurato, indicò un giorno all’anno di ingresso libero a chi non poteva permettersi il costo del biglietto e donò tutte le somme che introitava all’Asilo Infantile di Portoferraio. Questo è solo un piccolo esempio fra i molti che testimoniano l’attenzione che Raffaello aveva sulla necessità di accrescimento culturale e sulla condivisione delle conoscenze.



La sezione di archeologia del suo Museo ospitava quella che si rivelò essere una delle scoperte più importanti di Foresi: strumenti litici da lui rinvenuti in varie parti dell’Arcipelago Toscano e che per primi testimoniavano la presenza dell’uomo preistorico su questi territori. Erano reperti che Foresi aveva mostrato anche all’Esposizione Universale di Parigi e in seguito al Congresso Internazionale di Antropologia e Archeologia di Bologna e che dettero origine a vari dibattiti scientifici.



Durante tutta la sua vita Foresi è stato apprezzato e considerato dai più grandi artisti e uomini di cultura dell’epoca: fu amico di Gioacchino Rossini e Abramo Basevi, del pittore Antonio Ciseri, di Francesco Domenico Guerrazzi e Giuseppe Montanelli, di Pietro Fanfani, di Niccolò Tommaseo, di Renato Fucini…



Raffaello Foresi è un uomo che ha ancora bisogno di essere riscoperto, studiato e capito, e infatti in occasione di questo bicentenario sono state in parte portate a termine delle iniziative compatibili con l’emergenza che stavamo vivendo, come delle video conferenze tenute da Ilaria Monti, Gloria Peria, Luca Maria Foresi, Vanni Moggi Cecchi, Giuseppe Battaglini che hanno rivelato alcuni aspetti di Foresi, l’intitolazione a Raffaello del Centro di Educazione Ambientale di Lacona, senza tacere la pubblicazione sulla rivista locale Lo Scoglio di alcuni saggi riguardanti la sua figura (vedi link sottostanti). Ma il programma, ben più ambizioso, è rimandato al prossimo anno e prevede l’esposizione a Firenze e all’Elba di reperti attualmente ospitati presso il Museo di Antropologia ed Etnologia e presso la sezione di Mineralogia del Museo della Specola, entrambi parte del Sistema Museale dell’Università di Firenze, l’allestimento di una sezione dedicata al “genio multiforme” nella Pinacoteca Foresiana ed eventi musicali. Le celebrazioni coinvolgeranno anche l’Isola di Pianosa con l’esposizione di reperti, provenienti anch’essi dalle collezioni fiorentine, nel costituendo Museo delle Scienze e con la presentazione, nella sede dell’Associazione per la difesa dell’Isola di Pianosa, di un album fotografico fatto realizzare da Raffaello Foresi con le immagini dell’Isola.



Il programma prevedrà, in autunno, anche dei convegni di geologia e mineralogia a Firenze e all’Elba.



 



Per informazioni sulle attività già svolte è possibile visionare i seguenti siti:





Per informazioni su Raffaello Foresi è possibile visionare il seguente pieghevole realizzato dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano link:





 



                                                                                         Per il comitato organizzatore



                                                                                                   Nadia Mazzei



                                                                                              Assessore alla Cultura



                                                                                            Comune di Portoferraio



 



 



 



 




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

ANCORA POLEMICHE DEI VECCHI AMMINISTRATORI DI RIO CONTRO DE SANTI E IL SUO IMPEGNO A PORTOFERRAIO IN DIFESA DI FERRARI di Andrea Ghini:



La vicenda di Rio è tornata sulle pagine dei giornali [...]


 

PORTOFERRAIO, L’AMMINISTRAZIONE CHE AVEVA NEL SUO PROGRAMMA LA SOLUZIONE DELL’ EMERGENZA ABITATIVA METTE IN VENDITA 3 APPARTAMENTI NEL CENTRO STORICO di Giovanni Fratini :



Nei giorni scorsi ho letto il bando con cui l’Amministrazione comunale annuncia di voler mettere in vendita alcuni [...]


 

IL LIBRI COME POLTRONE SOFA’ di Danilo Alessi:



Siamo un Paese dove più della metà degli abitanti non legge nemmeno un libro all’anno e undici milioni tra i 15 e i 64 anni [...]


 

INSUFFICENTI LE ASSUNZIONI FATTE DALLA REGIONE E DALL’ASL:



Livorno, 15 novembre 2020 In relazione alle assunzioni fatte dalla regione e dall'Asl durante il [...]


 

GRUPPO LEGA: “ IL CONSIGLIERE REGIONALE MARCO LANDI E’ IL PORTAVOCE DELL’OPPOSIZIONE: VOTO UNANIME DI TUTTO IL CENTRODESTRA” :



Il Consigliere regionale della Lega, Marco Landi, col voto unanime di tutto il Centrodestra, è stato eletto in qualità [...]


 

LE 3 DOMANDE AL SINDACO DI RIO MARCO CORSINI:



(Queste 3 domande fatte al sindaco Marco Corsini sono le prime di quelle che [...]


 

COVID_19 : donati alcuni caschi per la ventilazione NIV CPAP all’Ospedale di Portoferraio :



Verrano donati a breve, dopo la approvazione del dipartimento tecnologie sanitarie di Pisa che è in corso, all’Ospedale di Portoferraio [...]


 

PERCHE’ MARCO CORSINI DOVREBBE ESSERE IL SINDACO DI RIO ELBANO G.Muti:



PERCHE’ RIO SI DOVREBBE CHIAMARE RIO ELBANO [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali