Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

LA BALENA BIANCA. E LA CADUTA DELL'ULTIMO CASTELLO:




. la partita a scacchi della politica, dall'elba alla toscana
Claudio De Santi




 

MAGO CHIO' Vita e leggenda del Primo free - climber del Mondo di Giuliano Giuliani:




Mago Chiò era vissuto nella seconda metà dell’Ottocento. Nato a Portoferraio nell’Isola d’Elba qualche anno dopo l’Unita d’Italia in una delle vie più antiche della vecchia Cosmopoli ( nome che fu affibbiato alla città nei primi tempi della sua costruzione


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

Affari e politica a Portoferraio di Giovanni MUTI:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

IL FANTASTICO VIAGGIO DEL COMANDANTE GRASSI:




RACCONTO DI UN VIAGGIO IN CINA


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

VIVERE NEL CENTRO STORICO DI PORTOFERRAIO IN UNA PUNTUALE ANALISI DELL'EX SINDACO GIOVANNI FRATINI

pubblicato sabato 3 ottobre 2020 alle ore 17:06:54


VIVERE NEL   CENTRO  STORICO DI PORTOFERRAIO IN UNA PUNTUALE ANALISI DELL'EX  SINDACO  GIOVANNI  FRATINI

La vita nel centro storico non è fatta solo di rose e fiori, ma anche di qualche spina



 




 


Rose e fiori. Ho a disposizione alcuni servizi, alcune opportunità senza dover utilizzare la mia auto. Esco di casa e, ai “giardinetti”, trovo una libreria e un fotografo, credo che sia l’unico in tutta Portoferraio. Altri due passi e posso andare in Comune, in banca o in farmacia.In via Guerrazzi c’è il mitico Santino che fa un mestiere in via di estinzione: il calzolaio. Nella piazza Cavour ho una cartolibreria e un sali e tabacchi. Nella via del mercato vecchio la macelleria di Francesco, la norcineria dello Zini e, proprio accanto, una lavanderia e asciugheria fai da te. Da qualche mese, è stata chiusa la pescheria di via delle Galeazze, ma in darsena ci sono alcune barche di pescatori. E al molo del Gallo i pescherecci con il pesce azzurro.Per un caffè, una pizza o una cena al ristorante, d’estate, ho l’imbarazzo della scelta. Anche in inverno non ci sono grossi problemi. Alla De Laugier, per buona parte dell’anno, è aperta una sala cinematografica. Al teatro dei Vigilanti c’è sempre qualcosa da vedere. Se il tempo è buono posso godere della tranquillità e della bellezza del Grigolo, della Linguella, dei bastioni medicei e del forte Falcone. Quando avrò l’età che non mi consentirà più di arrivare con le mie forze al Falcone per un apericena, chiamerò un apino della Coop. CISSE.



Le spine. Alcuni importanti servizi sono venuti meno. Le Poste sono state trasferite. Avevamo due edicole. Scomparse tutte e due. Dal 1° di questo mese, è venuto a mancare anche l’unico negozio di generi alimentari e vari: il CRAI alle Galeazze.



Il Parco nazionale ha pensato di trasformare l’arsenale in un museo del mare. Ottima idea! Ma è incredibile, inaccettabile che non ci sia una rivendita di generi alimentari in tutto il centro. Una grave mancanza per chi ci vive tutto l’anno, per i turisti che hanno un appartamento o per quelli che arrivano con la barca in darsena.



Dalle fognature, con il caldo estivo, fuoriescono certe bestioline, le così dette “piattole”. Quest’anno sono venute due volte a farmi visita a casa. Esiste una ordinanza comunale che vieta l’esecuzione di lavori rumorosi in certe ore del giorno, ma è raro che venga rispettata.



Dentro le mura, specie in estate, il traffico automobilistico è caotico.Per chi come me risiede in una delle Zone a traffico limitato trovare un posto per la propria auto è come vincere un terno al lotto. Anche i turisti proprietari o affittuari di un appartamento sono autorizzati ad entrare. Ma pazienza, i turisti ci vogliono! Non capisco, però, per quale santa ragione, da settembre a giugno, l’accesso è consentito a chiunque , anche ai non residenti. Solo l’accesso e una breve fermata. Non è consentita la sosta. Ma chi controlla? Nessuno! Decisione “geniale” della precedente Amministrazione, fino ad oggi, purtroppo, non revocata. 



Gli stalli gialli per la sosta sono spariti. Le auto spesso vengono parcheggiate male e così si perdono diversi posti. Nel 2007 l’Autorità portuale di Piombino escluse dall’uso pubblico alcuni posti auto ( una ventina) nel piazzale della Linguella, senza avere alcuna competenza per farlo.Ho chiesto a tutte le Amministrazioni di restituire quei posti alla città. Richiesta caduta sempre nel vuoto. 



Se mi siedo al bar Roma, lato piazza, sono quasi sempre “assediato” da motocicli infilati in mezzo alle fioriere.Auto e moto vengono parcheggiate ovunque. Anche nel sagrato del Duomo! L’andazzo del parcheggio “selvaggio” crea non poche difficoltà ai pedoni. Per un disabile con sedia a rotelle o per chi porta un bambino con il passeggino, talora è impossibile muoversi in sicurezza.



Piazza Cavour, per quanto sia stata pedonalizzata, è ogni giorno “martoriata” dagli automezzi che scaricano le merci a qualunque ora del giorno, senza rispetto per l’orario stabilito; dalle auto e dai motocicli di residenti e “forestieri” che, entrando dal vecchio fornice, la attraversano senza tanti scrupoli; dagli automezzi di Esa che, nelle ore di maggiore presenza dei pedoni, provvedono alla raccolta dei rifiuti. E non è raro vedere anche auto delle Forze dell’ordine.Non capisco per quale ragione debbano percorrere una zona pedonale senza che ci sia una particolare necessità. 



Qualcosa in meglio cambierà? Mi cheto e rimango in .......... trepida attesa.





« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

SFONDATO IL TETTO DEL COPPEDÈ: CHI STA SOTTO È IN PERICOLO. Ferrari e de Santi: “Qualcuno faccia qualcosa prima che sia troppo tardi” :



“Siamo tutti Pasquini”. Una battuta, forse, visto il riscontro che stanno avendo le proteste dei cittadini contro [...]


 

PORTOFERRAIO, L’AMMINISTRAZIONE ZINI, IL DEGRADO E LO SGUARDO “TERA TERA” di G.Muti:



E’ da qualche mese che l’Amministrazione di Portoferraio è [...]


 

I CINGHIALI, PER UN TERRITORIO, SONO O NON SONO UNA RISORSA ?:



(Al dilemma se i cinghili siano un problema od una risorsa si potrebbe rispondere che [...]


 

UN LETTORE DA TORINO : “MA QUANTI GIOVANNI MUTI CI SONO ALL’ELBA? E IL LIBRO CHI LO HA SCRITTO? :



Foto Giovavnni Muti detto il Monello Gentilissimo Sig. Muti Sono [...]


 

E' NATO SMART, SISTEMA MUSEALE DELL'ARCIPELAGO TOSCANO di Cecilia Pacini:



È stato costituito il nuovo S.M.A.R.T. Sistema Museale dell’Arcipelago Toscano. Con l’approvazione della convenzione [...]


 

VIVERE NEL CENTRO STORICO DI PORTOFERRAIO IN UNA PUNTUALE ANALISI DELL'EX SINDACO GIOVANNI FRATINI:



La vita nel centro storico non è fatta solo di rose e fiori, ma anche di qualche spina Rose e fiori. Ho a disposizione [...]


 

ESA COMUNICA IL CALENDARIO INVERNALE DEL "PORTA A PORTA" PER PORTOFERRAIO:



Esa spa ricorda ai gentili utenti del Comune di Portoferraio che dal 1° Ottobre entrerà in vigore il calendario invernale per [...]


 

PROBLEMATICHE SOLLEVATE SERVIZIO DI TPL ISOLA D’ELBA:



In relazione agli argomenti sollevati, l’Azienda si permette di osservare quanto di seguito riportato. Il [...]


 

© 2020 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali