Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

LA SANITA' ELBANA E' STATA SMANTELLATA. Nessun aiuto per le fasce disagiate costrette ad andare a curarsi in continente di Giovanni Fratini

pubblicato martedì 5 dicembre 2017 alle ore 23:39:16


LA SANITA' ELBANA E' STATA SMANTELLATA.
Nessun aiuto per le  fasce disagiate  costrette ad  andare  a curarsi in continente     di  Giovanni  Fratini

Lo scorso mese di novembre il Presidente della Giunta regionale Rossi ci ha fatto sapere che la nostra Regione si è piazzata al primo posto  tra le Regioni “benchmark” 2018. Non avendo molta dimestichezza con la lingua inglese ho chiesto aiuto ad un dizionario, mi sono documentato ed ho alla fine scoperto che sono “brenchmark” solo quelle Regioni che vengono prese a riferimento per la valutazione dei servizi sanitari offerti da tutte le altre e per la ripartizione dei finanziamenti statali. Questo non può farci altro che piacere.



Non conosciamo i criteri  usati dal Ministero della salute per l’attribuzione  di un tale prestigioso riconoscimento, ma sarebbe interessante sapere se sia stato  anche tenuto conto di come ciascuna Regione gestisce la sanità nelle sue aree più periferiche ( montane o insulari). E per quanto concerne la Toscana come questa assicura l’assistenza sanitaria a chi risiede in un’isola come la nostra con i suoi quasi 30 mila abitanti e con la sue presenze turistiche.



Da tempo, all’Elba si sta assistendo, purtroppo, ad un vero e proprio “impoverimento ” del presidio ospedaliero. Solo alcuni esempi.



Anni addietro avevamo un reparto di ortopedia con un primario e 4 aiuti che garantivano una assistenza 24 ore su 24 ed anche interventi di una certa complessità. Negli anni ’90 e fino al 2010, ad esempio, si impiantavano protesi e veniva eseguito qualunque intervento di traumatologia. Quel periodo è definitivamente tramontato. L’ortopedia praticamente non esiste più. Oggi gli ortopedici fissi sono ridotti da 5 a 1.



Lo stesso discorso si può fare per la pediatria. Avevamo 4 pediatri. Ora ne abbiamo solo uno, fisso e residente. Un altro pediatra ci è assicurato con medici che vengono da Piombino, Cecina, Livorno e Pisa, naturalmente quando il mare in canale lo permette. Anche se si tratta di personale medico validissimo, è indubbio che è venuta a mancare la continuità assistenziale, per cui i bambini che hanno bisogno di cure e i loro familiari non hanno più punti di riferimento. Insomma anche nel reparto di pediatria siamo andati indietro e alla grande.



Una volta una colonscopia o una gastroscopia venivano effettuate da un chirurgo del nostro nosocomio. Sostituito per un breve periodo da una valida dottoressa, dopo la sua dipartita, la situazione è peggiorata. Viene un medico dagli altri ospedali della Provincia,  dalla “rete” come si suol dire,  una volta alla  settimana  che effettua, in orario di lavoro, due/tre prestazioni e poi, al fuori dell’orario di lavoro continua le visite come libero professionista al prezzo di 180 euro!



Il servizio di elisoccorso ha notevolmente aumentato i propri interventi. In estate il Pegaso lo abbiamo visto arrivare anche due volte in un giorno. Fino a qualche anno fa questo non succedeva. Salvo casi particolarmente gravi. La Regione, certo, fa bene ad assicurarci qualità e sicurezza nelle prestazioni che richiedono una particolare specializzazione. Nulla da obiettare.  Ma si ha l’impressione che certi trasferimenti in continente avvengano non perché ci sia bisogno di una specifica  e più qualificata assistenza, ma solo perché all’interno del nostro ospedale non si sono mantenute o non si vogliono creare le condizioni necessarie, in termini di personale e di attrezzature, per poter evitare il soccorso dell’elicottero. Nella notte di domenica scorsa un anziano infartuato è stato trasferito d’urgenza a Livorno. Non con il Pegaso e neppure mediante una motovedetta della Capitaneria per le condizioni meteo avverse, ma con un elicottero della Guardia costiera di Sarzana. Non so se il paziente era in condizioni tali da rendere obbligatorio il suo ricovero nell’ospedale labronico. Ma so che nel nostro abbiamo solo un cardiologo fisso. A Piombino di cardiologi ne hanno 7! Come possa funzionare bene la cardiologia  non riesco a comprenderlo. Da Piombino una autoambulanza impiega senz’altro meno di un’ora per raggiungere Livorno o Grosseto. Quell’anziano, sfortunato che vive all’Elba, è stato ricoverato nel nostro ospedale poco prima della mezzanotte di sabato e l’elicottero della Guardia costiera è partito da Portoferraio dopo ben 4 ore!



I trasferimenti in continente comportano per i familiari  un notevole sacrificio economico e non solo. E nessuna legge regionale prevede, almeno per le famiglie che vivono in condizioni economiche disagiate, rimborsi per spese di viaggio e soggiorno a Firenze, a Pisa o a Livorno.



Ma la nostra Regione è la prima tra quelle “brenchmark”. Dobbiamo esserne felici. Che vogliamo di più?



Giovanni Fratini




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

ALL’ELBA UNA TASSA DI SCOPO PER FINANZIARE LA SANITA’ di G. Muti :



( Il probema delle fascie economicamente deboli che hanno difficoltà a recarsi in continente per [...]


 

LA SANITA' ELBANA E' STATA SMANTELLATA. Nessun aiuto per le fasce disagiate costrette ad andare a curarsi in continente di Giovanni Fratini :



Lo scorso mese di novembre il Presidente della Giunta regionale Rossi ci ha fatto sapere che la nostra Regione si è piazzata al primo [...]


 

ANCHE ALFREDO CI HA LASCIATI :



Anche Alfredino, come lo chiamavamo noi e gli ascoltatori, ci ha lasciati. Afredo Mitrano [...]


 

IL RICORDO DI ADUA E IL BUSTO DI KARL MARX di Danilo Alessi:



La scomparsa di "Nonna Adua", alla quale ero legato da antica amicizia, mi rattrista e mi riporta ad altri tempi dove altre cose ed [...]


 

L'ACQUA CHE ASA INVIA NELLE CASE E' IMBEVIBILE di Marcello Camici :



Infuria la polemica su come dissetare l’Elba. E’ una polemica tutta locale e con queste righe non desidero alimentarla. Desidero [...]


 

ACQUA POTABILE – CON L’IMPROVVISAZIONE NON SI VA DA NESSUNA PARTE di Marcello Meneghin:



Essendo chiamato in causa in alcuni blog elbani non posso esimermi dall’intervenire. Distinguo alcuni punti . ACQUA [...]


 

RESTAURATA LA CHIESA SAN GIACOMO A PORTO AZZURRO :



Una istituzione romana interverrà finanziando una buona parte degli interventi di recupero della chiesa di San Giacomo interna [...]


 

IL 2017 E’ +7%, SUPERATO IL MILIONE DI BIGLIETTI VENDUTI PER UN INCASSO DI 2.938.000,00€. COSI’ LA GESTIONE ASSOCIATA CERTIFICA LA CRESCITA DELL’ISOLA SUI MERCATI TURISTICI. BARBETTI “ELBA VINCENTE” :



“Non più solo dati positivi, ma una vera e propria certezza: l’Elba, con il suo + 7,03% rispetto agli anni precedenti, [...]


 

© 2017 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali