Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

DISSALATORE – L'INARRESTABILE ITER CHE PORTA ALLA SUA COSTRUZIONE NELLA PIANURA DI MOLA

pubblicato sabato 7 ottobre 2017 alle ore 10:21:44


DISSALATORE – L'INARRESTABILE ITER CHE PORTA ALLA SUA COSTRUZIONE NELLA PIANURA DI MOLA

La procedura dei documenti, delle autorizzazioni, dei permessi, degli espropri, dei finanziamenti e quanto altro necessario perché abbiano inizio i lavori è a buon punto e quindi c’è da aspettarsi di vedere mezzi ed operai intenti alla effettiva realizzazione di quel colossale manufatto con tutte le altrettanto colossali apparecchiature di desalinizzazione dell’acqua del mare.



Si leggono pareri discordi, sono sorti addirittura dei comitati che tentano di opporsi a tali lavori ma è chiaro che la macchina è ormai partita e nessuno la può fermare.



Anche davanti alla ineluttabilità dell’avvenimento penso si possa continuare a specificarne in anteprima delle situazioni che a normali cittadini come il sottoscritto appaiono come minimo incomprensibili.



A chi scrive ad esempio fanno cattiva impressione alcuni dati dell’elaborato cosi intitolato:



ASA - AUTONOMIA IDRICA LOTTO 1 – IMPIANTO DI DESALINIZZAZIOMNE IN LOC. MOLA DA 80 L/SEC E OPERE NECESSARIE A TERRA E MARE



Uno degli elementi notevoli è relativo ad una critica spesso sollevata negli articoli che si leggono su giornali e blog locali e che riguarda la asserita necessità che la decisione definitiva  di costruire il desalinizzatore fosse il risultato di una selezione tra diversificate soluzioni esperita in fase di progetto e citata negli elaborati progettuali esecutivi.



A tale riguardo nella relazione del progetto prima indicato si esordisce al punto 3 con il titolo



3. ANALISI DELLE SOLUZIONI ALTERNATIVE” che risulterebbe atto proprio a dirimere la questione. Scartata a priori la possibilità che una persona di poco conto come il sottoscritto potesse trovare un solo accenno al proprio progetto di massima di un serbatoio sotterraneo in grado di accumulare e conservare le acque di pioggia, progetto che ad esempio è stato citato dal sindaco di Portoferraio arch. Mario Ferrari nel suo libro “ un acquedotto in mezzo al mare”, scartata dunque tale possibilità, io faccio molta fatica ad accettare che il progetto ASA citato non accenni affatto tra le soluzione da valutare la possibilità di utilizzare appunto le acque di pioggia che cadono all’Elba essendo, a mio avviso, questa la soluzione da esaminare attentamente e per prima. Invece le alternative che vi appaiono nella realtà sono le seguenti che io elenco qui di seguito semplicemente con il metodo copia ed incolla estraendole dall’elaborato progettuale ASA di cui sopra.



Ecco le righe testuali



3. ANALISI DELLE SOLUZIONI ALTERNATIVE Al fine del raggiungimento degli obbiettivi di progetto in esame, in fase preliminare sono state approfondite diverse alternative progettuali. La scelta dell’opzione sviluppata è stata guidata da esigenze specifiche e condivisa in primo luogo con l’amministrazione comunale coinvolta.



…………….



Tra le soluzioni alternative si è studiata anche l’opzione “zero” ovvero la mancata realizzazione degli interventi di progetto



L’opzione “zero” risulta pertanto un’alternativa da scartare senza alcun dubbio.



……………………………….



 



La prima soluzione alternativa successivamente analizzata è stata quella di realizzare una nuova condotta sottomarina in sostituzione dell’esistente



……………………………………...



Altre alternative progettuali analizzate sono state relative all’ubicazione dell’impianto. Gli obiettivi guida di cui si è tenuto conto per la localizzazione dell’opera sono due:



1. Il luogo di realizzazione deve garantire i minimi impatti complessivi, mediando fra gli aspetti paesaggistici, ambientali, di convivenza e sostenibilità da parte della popolazione interessata, di semplice gestione dell’impianto e della relativa logistica. 



2. La posizione deve essere tale da massimizzare l’efficacia allocativa della risorsa prodotta della quale beneficiano oltre al Comune di Capoliveri, tutti gli altri Comuni elbani. A tal fine sono state valutate alcune ubicazioni alternative. Per prima l’ipotesi iniziale della Comunità Montana (2004) che prevedeva la realizzazione a Marciana Marina di un impianto da 40 l/s. …………………………..



 



L’ulteriore ipotesi di ubicazione alternativa a Portoferraio, interessante dal punto di vista dell’efficacia allocativa della risorsa, non ha trovato al momento localizzazioni interessanti fuori dai vincoli dalla linea di costa, se non al prezzo di collegamenti piuttosto importanti .



 



Si deve rilevare che  appare come alternativa di progettazione il semplice spostamento nell’ubicazione del desalinizzatore mentre mancano quelle fondamentali come la già citata utilizzazione delle acque di pioggia, soluzione che avrebbe dovuto essere esaminata per prima eventualmente scartandola con motivate giustificazioni, oppure quella, già ventilata anni or sono, di collegare l’Elba ad altri acquiferi della terraferma toscana ma diversi da quello che riguarda la Val di Cornia .



Un’altra soluzione che, ad avviso del sottoscritto avrebbe sicuramente  meritato, per la validità dello studio, di essere inserita nll’elenco è quella descritta nel lavoro Uso degli acquiferi locali per la regolazione delle risorse idriche dell’Isola d’Elba” redatto dal prof Pier Gino Megale dell’Universotà di Pisa. Essa prevedeva di costruire un serbatoio sotterraneo tramite diaframmi di impermeabilizzazione che circondano la piana di Marina di Campo la quale prevedeva di costituire un deposito di oltre 2000000 mc (due milioni di mc)



Un altro appunto che mi sento di sottolineare è la mancata giustificazione della portata totale assegnata al desalinizzatore e soprattutto la mancata spiegazione delle modalità di colmare le grandi differenziazioni che esistono tra portata costante che è caratteristica peculiare del desalinizzatore ed il fabbisogno idropotabile elbano che è invece caratterizzato da rilevanti escursioni. Niente di tutto questo. La portata viene fissata in 80 l/sec che in futuro verrà aumentata fino a 160 l/sec senza spiegarne analiticamente le motivazioni, Soprattutto non viene spiegato se, per vincere le citate escursioni, sia previsto di affiancare al desalinizzatore un serbatoio di compensazione né viene precisato in dettaglio come verranno assorbiti dalla rete, tenendo conto della richiesta dell'utenza assai variabile sia nel giorno di massimo consumo ed anche negli altri giorni,.  gli 80 l/sec in prima fase e 160 l/sec in seconda che sono una portata  costante 



A mio avviso la assenza degli elementi indicati costituisce una ancanza che graverà sui risultati reali quella grande struttura che tuttavia tra poco tempo verrà costruita.



Si tratta di miei pareri personali qui riportati nella speranza che vengano opportunamente giustificati con motivate spiegazioni contribuendo a tranquillizzare assieme al sottoscritto i cittadini elbani che nutrono gli stessi miei dubbi.




« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

EVITARE LA CEMENTIFICAZIONE DEL PREZIOSO SUOLO ELBANO TUTTE LE VOLTE CHE E’ POSSIBILE TRASFERIRE LE OPERE NEL SOTTOSUOLO di Marcello Meneghin:



L’utilizzazione del sottosuolo per ricavarvi opere ingombranti sta offrendo frutti copiosi in molte parti del mondo . All’isola [...]


 

POLITICA & SANITA', ALL'ELBA C'E' ANCORA UNA POLITICA CHE TUTELI LA SANITA' PUBBLICA? :



Tagli e trasferimenti di personale del pronto soccorso (su 13 medici necessari ne sono rimasti 3+5 del 118 e uno sull'ambulanza), [...]


 

MOVIMENTO ELBA 2000: DAL GASSIFICATORE AL DISSALATORE?:



Avendo affrontato il problema dell'approvvigionamento idrico già molti anni fa, a questo punto, riteniamo opportuno [...]


 

MARCELLO MENEGHIN SPIEGA PERCHÉ’ LA GALLERIA SERBATOIO SAREBBE LA SOLUZIONE E IL DISSALATORE UN ERRORE 15 VOLTE PIÙ’ COSTOSO DEL LAGHETTO DEL CONDOTTO COSTATO OLTRE UN MILIONE DI EURO:



Egr. Sig. Sergio Bicecci la ringrazio per il suo articolo riguardante l’opportunità di prendere in esame anche la soluzione [...]


 

FUSIONE RIESE E LEGGE REALACCI SUI PICCOLI COMUNI di Lelio Giannoni:



Recentemente è stata varata dal Parlamento la cosiddetta legge Realacci che riguarda prevalente i comuni collocati [...]


 

PER RISOLVERE I PROBLEMI IDRICI DELL'ELBA PERCHE' NON E' STATO PRESO IN CONSIDERAZIONE IL "PROGETTO MENEGHIN" DI CUI SI PARLA DA VENTI ANNI? di Sergio Bicecci:



Sono sempre più insistenti le polemiche sul progettato dissalatore da costruire in località Piano di Mola nel Comune di Capoliveri. [...]


 

RIO ELBA ECCO LA RELAZIONE DI FINE MANDATO DEL CONSULENTE IVANO ARRIGHI :



Comune di Rio Nell'Elba - amministrazione Claudio De Santi. Periodo: giugno 2014 - settembre 2017. Premessa. Questi erano [...]


 

PENOSO.CORRUZIONE NELLA SANITA' TOSCANA. di Frnacesco Semeraro:

Sono stati iscritti nel Registro degli indagati il Direttore Sanitario della nostra ASL Toscana Nord-Ovest Mauro Maccari; il capo della segreteria [...]


 

© 2017 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali