Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
Elba notizie
Traghetti Isola d'Elba

Prenota il tuo
traghetto
cerca nel sito »

informazioni »


 


STAMPA LOCALE

Camminando »

L'Altroparco »

Teleelba »

 


STAMPA NAZIONALE

Associazione Culturale  »

Corriere della sera »

Il sole 24 ore »

Repubblica  »

IN PRIMO PIANO

 

“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno:




“Passioni”, romanzo di Maria Gisella Catuogno che l’Editore il, Foglio Letterario di Piombino, ha portato alla Fiera del Libro di Torino.


 

Nuovo libro di Marcello Camici:




Nuovo libro di marcello Camici


 

Affari e politica a Portoferraio:




Questo libro è per la verità e la giustizia!

Vittorio Sgarbi


 

Giuliano Giuliani "AFFANDAMENTO DELL'ANDREA SGARALLINO" :




la ricostruzione attraerso la voce dei protagonisti della più grande tragedia che abbia colpito una nave civile nel mediterraneo durante nell'ultimo comflitto mondiale


 

“BALENE ALL’ELBA” :





Balene all’Elba è il titolo di un libro di Antonello Marchese, adesso in vendita nelle librerie. Fin dalla presentazione che si è tenuta alla Gran Guardia di Portoferraio, ha suscitato un grande interesse.


 

IL NUOVO LIBRO DI LEONIDA FORESI:




UNA PARTE IMPORTANTE DELLA NOSTRA MEMORIA


 

una pubblicazione di Marcello Meneghin "ACQUEDOTTI Realtà e futuro" la descrizione documentata delle incongruenza degli acquedotti italiani culminante in perdite occulte pari alla metà dell’acqua totale prodotta,:




.


 

LIVORNO NEL CUORE di Maria G. Catuogno

pubblicato lunedì 11 settembre 2017 alle ore 09:22:20


LIVORNO NEL  CUORE   di     Maria G. Catuogno

 


 


L’intensa perturbazione di questi giorni ha per fortuna solo sfiorato l’Elba, ma la tragedia di Livorno – sei morti, due dispersi e devastazione ovunque – ci coinvolge profondamente. “Siamo tutti livornesi”: per necessità, per affetto, per legami familiari e amicali con chi, nel cuore della nostra provincia, vive e lavora.


La Terrazza Mascagni, i Quattro Mori, il bel profilo della Stazione, i Fossi, Montenero appartengono da sempre alla nostra geografia sentimentale. Eppure è bastata la pioggia di un giorno e di una notte  – intensissima, una vera bomba d’acqua dopo tanti mesi di siccità –  per mettere in ginocchio la città e porre fine alla vita di tanti innocenti, compreso un bambino annegato nel fango con i suoi genitori e il suo nonno, che inutilmente ha cercato di salvarlo, come la sorellina, morendo a sua volta. Sappiamo tra l’altro che la famiglia colpita è quella di un giovane medico del 118 e del Pronto Soccorso del nostro ospedale e la circostanza ci rattrista ulteriormente.


Le principali notizie dei telegiornali della brutta domenica appena trascorsa erano concentrate sul nubifragio a Livorno e sull’uragano Irma in Florida, oltre che sul terribile terremoto in Messico. L’impressione era di assistere alla vendetta della Natura contro il genere umano. Perché, se è vero che non siamo responsabili dello scatenamento dei terremoti – ma delle costruzioni antisismiche e del consumo di suolo sì – sicuramente invece abbiamo gravi colpe nell’aver deteriorato il clima, innalzando la temperatura del Pianeta con l’inquinamento e immettendo nell’atmosfera una quantità di calore eccessiva, motore a sua volta di improvvise e micidiali bombe d’acqua. Inoltre, non contenti di tale disastro epocale, che ha tropicalizzato il clima delle fasce temperate, mettiamo tutto il nostro impegno a trascurare un ambiente bellissimo e fragile, qual è quello italiano: abbiamo abbandonato la cura di montagne e colline, sfruttato il suolo a dismisura ricoprendolo di cemento, costruito sui fianchi di vulcani, incendiato boschi e macchie che trattengono le frane, trascurato gli argini, impedito ai corsi d’acqua di scendere regolarmente, tombandoli. Insomma, una scellerata serie di errori, dettati dall’egoismo, dall’incuria, dall’ignoranza o dalla smania di speculazione, e dall’incapacità di previsione delle possibili conseguenze future, che ora ci si ritorcono contro e spingono la Natura a dimostrare tragicamente tutta la sua potenza devastatrice.


Pure lo stesso uragano Irma ha una grandezza, una forza e una durata sconosciute, dipendenti dalle stesse cause – inquinamento, calore, energia – che provocano i repentini  diluvi  concentrati in aeree ristrette.


Eppure, di fronte a simili e paurosi fenomeni, esistono ancora i “negazionisti” del cambiamento climatico, che chiudono gli occhi anche sul drammatico scioglimento dei ghiacciai, mentre il presidente degli Usa (!) si rifiuta di onorare il trattato di Parigi, piccolo argine all’evidente disastro planetario. E’ proprio vero che la follia umana non ha confini!


Oggi però il nostro cuore è a Livorno, per piangere le sue vittime e per esprimere vicinanza e solidarietà alla sua gente, a chi ha subito lutti e danni materiali, perdendo i frutti del lavoro di una vita e per augurare alla città di risorgere presto dal fango di questi giorni in tutta la sua integrità e bellezza.


                                                               



« indietro - nuova ricerca

IN PRIMO PIANO

 

Rio Elba: “situazioni di criticità ed irregolarità gravi tali da prospettare una situazione di pre-dissesto dell’Ente" di Ivano arrighi:



Toc .. toc ...toc, ... > > > "pre dissestoo" ... "pre dissestooo" ! Sig. De Rosas? Mi permetto di ricordarle [...]


 

“LAUDATO SIE, MI' SIGNORE CUM TUCTE LE TUE CREATURE”. COMPRESE LE PERNICI ROSSE DI PIANOSA di Michelangelo Zecchini:



Quasi ottocento anni fa S. Francesco d'Assisi componeva e lasciava al mondo il suo poetico Cantico, nel cui [...]


 

RUGGERO BARBETTI LASCIA FORZA ITALIA:



Ecco la lettera - Al Coordinatore Stefano Mugnai e p.c. - Ai membri del Coordinamento di Forza Italia della Toscana Egregio Coordinatore, [...]


 

ALESSI REPLICA A NURRA: “MI AUGURO CHE QUELLA TARGA VENGA RIMESSA AL POSTO DA CUI È STATA ARBITRARIAMENTE TOLTA. di Danilo Alessi :



Confesso che se non fossi stato chiamato in causa, in quanto persona “che ha ricoperto cariche istituzionali importanti”, [...]


 

QUANDO I FASCISTI DISTRUSSERO LA TARGA DI PIETRO GORI A RIO ELBA - Dal dopo guerra ad oggi nessun sindaco ha pensato di istallare una nuova targa:



E il caso di fare qualche considerazione sull’ultimo pezzo scritto dall’ Ass.. Riccardo Nurra [...]


 

“LA MIA IDEA SUI CINGHIALI: LA COMPLETA GESTIONE IN LOCO DELLE TONNELLATE DI CARNI ORA DESTINATE ALTROVE” di Sergio Bicecci :



Leggendo l’ultimo numero del “Corriere Elbano” si ha le sensazione di una rinnovata linea editoriale. La figura [...]


 

“QUELLO CHE SEGUE È IL MIO INTERVENTO IN OCCASIONE DELLA CERIMONIA DI INTITOLAZIONE DELLA PIAZZA A GIOVANNI AGENO”. Riccardo Nurra:



Devo premettere che nessuno, intitolando questa piazza a Giovanni Ageno, vuole o ha voluto sminuire il valore di Pietro Gori, un grande [...]


 

LA PIAZZA ANTISTANTE IL PALAZZO COMUNALE INTITOLATA ALL'EX SINDACO GIANCARLO AGENO :



Piazza Pietro Gori antistante il palazzo comunale di Portoferraio , ieri mattina, è stata [...]


 

© 2018 ELBA NOTIZIE di Giovanni Muti - Via Giagnoni, 5 - 57037 Portoferraio (LI) - p.iva: 01631950498 - info@elbanotizie.it note legali